“A RUOTA LIBERA”, LA FATTORIA DIDATTICA INCLUSIVA CHE EDUCA ALLE DIFFERENZE

A Settala, nel milanese, la famiglia Merlini abbatte le barriere architettoniche e lavora per un’agricoltura consapevole che educa al benessere di tutti e per tutti.

AMBIENTE
Francesca Franceschi
“A RUOTA LIBERA”, LA FATTORIA DIDATTICA INCLUSIVA CHE EDUCA ALLE DIFFERENZE

A Settala, nel milanese, la famiglia Merlini abbatte le barriere architettoniche e lavora per un’agricoltura consapevole che educa al benessere di tutti e per tutti.

Agricoltura, natura e animali della fattoria. Ma anche laboratori, agri-aperitivi, prodotti della terra a chilometro zero, campus estivi per i più piccoli e, a breve in partenza, il Christmas Camp in fattoria per aiutare famiglie e genitori alle prese con la chiusura – per la pausa natalizia – delle scuole. A Settala, in via Milano 41, sorge un luogo speciale dove si respira amore e inclusione. “A ruota libera” è la fattoria didattica dove non esistono barriere architettoniche ma, al contrario, si respira armonia ed inclusione valorizzando le differenze.

Laddove d’estate sorge una distesa di papaveri da fare invidia ai quadri impressionisti ci sono pitture molto più suggestive da vivere. Del resto tutto nasce dalla Madre Terra e si rigenera attraverso di essa. Lo sa bene la famiglia Merlini che, proprio in questo luogo, ha dato il via anni fa all’azienda florovivaistica oggi punto di riferimento regionale e sinonimo di qualità, benessere e salute. Da ben quattro generazioni di agricoltori, la famiglia Merlini coltiva infatti cereali e ortaggi in Lombardia. Frumento, mais, ortaggi freschi di stagione a chilometro zero come finocchi, verze e cavolfiori d’inverno; fragole, ciliegie e fagiolini in primavera; anguria, mirtilli, pesche, zucchine, mele e pesche d’estate; uva, cachi e melanzane in autunno.

Qui la natura segue il regolare corso e ricorso delle stagioni perseguendo una logica di agricoltura lenta, consapevole ed educata. Così come educato è l’approccio che le persone, specialmente i bambini e gli anziani, hanno con gli animali della fattoria didattica, un luogo inclusivo ed aperto a tutti che, giorno dopo giorno, insegna i rudimenti dell’agricoltura e dell’allevamento.

Lo sanno bene genitori e famiglie che scelgono questo luogo per far apprendere e riappropriare ai propri piccoli il contatto prezioso con l’ambiente. Qui non ci sono altalene né attrazioni per scelta. Questi giochi, del resto, non sono fruibili da tutti. All’ interno di “A ruota libera” sono previste solo attività che possono fare bambini normodotati e anche portatori di disabilità. Un posto dove l’inclusione è il valore aggiunto e dove l’abbattimento degli ostacoli e delle barriere architettoniche si rivela essere la missione di tutti. Una missione che mira alla calma, all’approccio lento sublimato dall’andamento della campagna e dei suoi preziosi amici animali. Ecco che laboratori, feste a tema, campus estivi e attività all’aria aperta si rivelano essere un’isola felice per questa porzione di territorio lombardo che ha scelto una ricetta eco-sostenibile per far sentire tutti a casa sotto il medesimo tetto.

Floricoltura a chilometro zero, attività ricreative e contadine, eventi in natura, laboratori didattici e ludico-educativi ma anche la semina, il contatto sensoriale con le zolle di terra, sassolini, legnetti e materiali di riciclo nonché la criniera morbida dei cavalli e le penne di una gallina. In due parole: un progetto di accoglienza.

Quella che viene riservata agli anziani delle vicine residenze assistite, ai bambini e a tutti coloro che, ad uno schermo del cellulare, preferiscono il contatto con la terra e con le caprette, i conigli e il cavallo della fattoria.

Del resto siamo tutti, nessuno escluso, Liberi all’interno di A Ruota Libera. Dove A sta per Agricoltura e Animali, R come movimento della Ruota del carro ma anche dell’handbike, L come Libera di circolare. Tutti insieme si può, dunque, prendere il volo!