Ansia, stress e depressione: ci pensano i probiotici

L’intestino è il nostro secondo cervello e ansia, stress e depressione si ripercuotono su di lui. Ma, grazie all’uso di probiotici contrasteremo questi disturbi.

SALUTE
Francesca Danila Toscano
Ansia, stress e depressione: ci pensano i probiotici

L’intestino è il nostro secondo cervello e ansia, stress e depressione si ripercuotono su di lui. Ma, grazie all’uso di probiotici contrasteremo questi disturbi.

In un mondo dove correre costantemente è il nuovo sport giornaliero, dove gli appuntamenti devono essere rispettati al minuto, le cattive notizie sono dietro l’angolo e anche fare la spesa è diventata un’impresa impossibile per mancanza di tempo, ecco che incombono ansia, stress e depressione. Tre parole che sentiamo spesso durante le nostre giornate, talvolta anche da bambini che dovrebbero parlare solo di gioco ed allegria.

Per correre ai ripari contro questi tre disturbi si finisce sempre per fare abuso di farmaci tradizionali, a volte anche senza l’aiuto di un esperto, finendo poi per non risolvere nulla, anzi talvolta generando spiacevoli effetti collaterali.

Dall’Italia invece, arriva una terapia alternativa che può offrire sollievo: una nuova generazione di probiotici che ci salverà da ansia, stress e depressione agendo sul microbiota, ovvero i miliardi di microrganismi che abitano nel nostro intestino.

I fantastici otto

A far risaltare le potenzialità di questi probiotici è stata una ricerca guidata dall’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche, alla quale ha contribuito anche il Dipartimento di scienza per gli alimenti, la nutrizione, l’ambiente (DeFens) dell’Università di Milano

Il recente studio ha stimato in maniera positiva un mix di otto differenti ceppi batterici fisiologici, presenti nella flora intestinale, per il trattamento di disturbi come ansia e depressione.

“Lo studio era inquadrato su un mix di probiotici già esistente in commercio per contrastare i processi infiammatori. La novità è stata il fatto di testare queste sostanze per il trattamento di sintomi di ansia e depressione provocati da stress post-natale in un modello murino”, spiega Stefano Farioli Vecchioli del Cnr-Ibbc, uno degli autori della ricerca.

probiotici contro ansia stress e depressione

I risultati ottenuti dal gruppo formato da Vecchioli insieme a Francesca De Santa, Carla Petrella e Georgios Strimpakos, evidenziano come il trattamento per due settimane di topi adulti con il mix di probiotici, microrganismi caratterizzati da numerose proprietà benefiche, sia in grado di attenuare fortemente la disbiosi intestinale, ovvero l’alterazione nella composizione e nella funzione del microbiota fornendo azione ansiolitica e antidepressiva.

Proprio la disbiosi intestinale genera una infiammazione cronica amplificando le modificazioni dell’umore, come depressione e ansia.

Gli studiosi hanno, inoltre, dimostrato come il mix di probiotici provoca un calo dei processi neuro-infiammatori cronici e un miglioramento dei meccanismi di neuroplasticità, aumentando la produzione di nuovi neuroni nell’ippocampo, una parte del cervello nella regione interna del lobo temporale, fondamentale nella formazione della memoria a breve e lungo termine e nell’orientamento.

La nuova frontiera dello psicobiotico

Passi avanti, dunque, verso una specie di psicobiotico: una sostanza che svolge dunque, un’azione benefica a livello intestinale agendo però, attraverso l’asse intestino-cervello, anche sul sistema nervoso centrale. Ovviamente, i vantaggi devono essere dimostrati sull’uomo.

“Tuttavia riteniamo che la nostra ricerca supporti fortemente l’ipotesi che, in generale, gli psicobiotici possano rappresentare un’innovativa strategia terapeutica, in grado di coadiuvare o modulare i trattamenti farmacologici convenzionali”, conclude Vecchioli.

Un’alternativa sicura e naturale ai farmaci tradizionali, perciò, con pochissimi effetti collaterali e un’azione più specifica sulle cause alla radice dei disturbi mentali.