ELECTRIC PATH: PIÙ SPAZIO ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Parte dal Niguarda di Milano il nuovo progetto grazie al quale nei parcheggi di diversi presidi ospedalieri italiani saranno installate le colonnine Enel X per la ricarica dei veicoli elettrici.

INFRASTRUTTURE
Sara Stefanini
ELECTRIC PATH: PIÙ SPAZIO ALLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Parte dal Niguarda di Milano il nuovo progetto grazie al quale nei parcheggi di diversi presidi ospedalieri italiani saranno installate le colonnine Enel X per la ricarica dei veicoli elettrici.

Nasce “Electric Path”, il nuovo progetto di sostenibilità ambientale grazie al quale verranno installate infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici (IDR) nei parcheggi di diversi ospedali italiani. L’iniziativa, realizzata da Novo Nordisk nell’ambito del progetto internazionale Circular for Zero, la strategia dell’azienda danese per azzerare l’impatto ambientale entro il 2030, è stata presentata presso l’ASST – Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, il primo ospedale ad aver aderito. Le cosiddette colonnine, modello JucePole da 22Kw sono di Enel X, ognuna ha due punti di ricarica e verranno installate all’interno dei presidi ospedalieri in modo da essere fruibili da tutti, per stimolare le persone a una transizione più rapida verso modelli di mobilità sostenibili e contribuire così alla riduzione delle emissioni di CO2, con conseguente miglioramento della salute e del benessere delle persone.

Sono, infatti, milioni le persone che ogni anno muoiono a causa degli effetti diretti o indiretti dell’inquinamento atmosferico, in particolare negli ambienti urbani. Oltre ad avere un impatto sull’aria e sull’ambiente che ci circonda, l’inquinamento è causa anche dello sviluppo di numerose malattie legate ai polmoni, ictus, demenze, malattie renali e diabete. Per esempio, è stato osservato che un aumento di 10 unità di concentrazione di PM10 o NO2 si traduce in un aumento rispettivamente del 8,1 per mille e del 4,1 per mille nella prevalenza del diabete tipo 2.

Il progetto parte da un ospedale milanese poiché il piano regionale e quello cittadino puntano agli incentivi per la diffusione dei veicoli elettrici, anche se al momento le risorse per l’installazione di infrastrutture di ricarica sono limitate Inoltre, l’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda è un ospedale di rilievo nazionale e internazionale che negli anni ha dimostrato una particolare attenzione verso varie iniziative legate alla sostenibilità ambientale, con una struttura molto grande, circa 320 mila metri quadrati, dove ogni giorno transitano circa 10.000 persone tra  pazienti e personale.

“Siamo estremamente felici di aver partecipato a questa iniziativa di Novo Nordisk, che ringraziamo per il prezioso contributo – commenta Marco Bosio, Direttore Generale del Niguarda – Per poter raggiungere degli obiettivi concreti in tema di riduzione sull’impatto ambientale, infatti, è fondamentale favorire un’infrastruttura diffusa e capillare che incentivi e faciliti l’uso dei veicoli elettrici. L’installazione nel nostro Ospedale di impianti di ricarica va proprio in questa direzione e potranno essere utilizzati da un ampio numero di persone, sia utenti che dipendenti”.

“Attraverso questo progetto prosegue la sfida di Novo Nordisk, iniziata a livello mondiale nel 2014 con Cities Changing Diabetes, nel rendere gli ambienti urbani un luogo di promozione della salute”, afferma Marco Salvini, Senior Director External Affairs di Novo Nordisk Italia. “È importante coinvolgere la popolazione nelle diverse strategie messe in atto per salvaguardare la salute della città e dei cittadini, così da guidarli a un cambiamento significativo per la loro salute e per l’ambiente”.