FRUTTA E VERDURA BIO A PORTATA DI CLICK

La filiera corta e sostenibile di “Orteat”, la piattaforma digitale ultra innovativa al servizio degli agricoltori per avere frutta e verdura direttamente dai campi alla tavola di casa.

AMBIENTE
Francesca Franceschi
FRUTTA E VERDURA BIO A PORTATA DI CLICK

La filiera corta e sostenibile di “Orteat”, la piattaforma digitale ultra innovativa al servizio degli agricoltori per avere frutta e verdura direttamente dai campi alla tavola di casa.

Antichi saperi e moderne innovazioni. È la contaminazione e il giusto punto di equilibrio di Orteat, una piattaforma digitale di filiera corta che permette a tutti gli agricoltori di spedire – da tutto lo stivale – la frutta e la verdura coltivata in modo sostenibile direttamente a casa tua. Obiettivo? Promuovere uno stile alimentare (e di vita!) sano. E se per farlo la tecnologia viene in nostro soccorso e connette mondi apparentemente lontani che problema c’è se a beneficiarne è la salute di tutti noi?

Orteat, piattaforma di agricoltori, desidera contribuire alla costruzione di un sistema di approvvigionamento alimentare più sostenibile che supporti l’agricoltura biologica e di stagione, promuova la riduzione degli sprechi e riconosca prezzi più equi agli agricoltori. In questo modo a beneficiarne è anche il consumatore che, con un semplice click, torna a vivere pienamente il ciclo della natura, acquistando solo prodotti a «km vicino», conoscendone la provenienza e riscoprendo il valore dell’unicità.

E quindi? Come funziona? Io che abito in Toscana come posso trovare sulla mia tavola apparecchiata un avocado coltivato in Calabria? “Dai campi del produttore alla tavola di casa tua, ovunque in Italia” è la risposta di Orteat che si traduce in tre semplici click. Basta entrare sulla piattaforma, selezionare i prodotti o, addirittura, conoscere la storia di tutti gli agricoltori che hanno sposato la mission e, con loro, i terreni e i loro metodi di produzione, selezionare la quantità (e la varietà) e procedere con l’ordine.

Parola d’ordine? La coltivazione avviene a campo aperto per garantire sempre freschezza e qualità, rispettando la natura.

Il resto è storia, o meglio, storie dei singoli agricoltori che hanno fatto rete creando idealmente un vastissimo campo condiviso che abbraccia l’Italia intera. C’è Luca che coltiva avocado a Locri, Ilaria invece le arance a Cauolonia e poi ancora Sebastiano e Valeria che ad Andria producono miele, mandorle e olio e Domenico agrumi in tutto il territorio della Locride. E così via. Tante le coltivazioni, tantissime le storie di giovani agricoltori che ogni giorno si sporcano le mani con la madre terra.

Dopo aver ricevuto l’ordine, infatti, i contadini di Orteat raccolgono i prodotti dai campi e li preparano per la spedizione. “Durante il processo di coltivazione e raccolta seguiamo un modello etico e sostenibile che segue la stagionalità e i cicli della natura, senza l’uso di fertilizzanti di sintesi chimica – fanno sapere da Orteat -. Prestiamo cura ed attenzione durante il confezionamento, selezionando i prodotti ordinati e usando solo materiali per imballaggio sostenibili ed ecologici. Spediamo ad inizio settimana per poter ricevere il tuo ordine durante la settimana e garantirti la massima freschezza. In caso di pioggia o maltempo la raccolta potrebbe essere posticipata di qualche giorno”.

Dietro ad ogni prodotto si nasconde una storia e, leggendo le descrizioni sui profili social, sembra quasi di conoscere tutti gli agricoltori che ti guidano in un viaggio alla ricerca dei migliori prodotti biologici italiani ma anche delle loro terre di provenienza e delle modalità di coltivazione.

È un raccolto che profuma di mani sporche, di lavoro attento, appassionato e genuino, che unisce gli antichi saperi dell’agricoltura e le moderne innovazioni della tecnologia.

“Le nostre parole chiave sono i nostri principi: qualità, freschezza, sostenibilità. Crediamo in un modello agricolo etico e sostenibile, che dialoga perfettamente con la tecnologia – concludono da Orteat -. Cerchiamo di semplificare al massimo il processo di vendita degli agricoltori, dando loro l’opportunità di dedicarsi interamente alla coltivazione e alla raccolta. Orteat è un progetto digitale che avvicina la terra all’uomo. Ecco perché l’acquisto dei prodotti è solo una tappa del nostro viaggio, la meta finale è condividere i valori e obiettivi della sostenibilità”.