Guerra aperta alle cimici dei letti

Una grave infestazione dalla quale proteggersi. Rischi e trattamenti. Le conseguenze.

AMBIENTE
Maurizio Orrù
Guerra aperta alle cimici dei letti

Una grave infestazione dalla quale proteggersi. Rischi e trattamenti. Le conseguenze.

Dopo un periodo di relativa calma, le cimici dei letti hanno di fatto una loro apparizione, creando disagio e malumore. Ai tempi del famoso DDT, le cimici da letto erano quasi scomparse, o meglio debellate. Ma da quando il DDT è stato bandito per la sua conclamata tossicità, la cimice da letto è diventata comune.

Dalle cimici è assai difficile liberarsene, tanto che spesso risulta necessario rivolgersi a un disinfestatore. Le cimici pungono per nutrirsi di sangue, che provocano arrossamenti e pruriti che si possono curare con antistaminici e creme cortisoniche. Si tratti di insetti di 5/6 millimetri, di colore rossiccio, che trovano il loro habitat nelle cuciture dei materassi, nelle reti e nelle testiere del letto, dietro quadri e mobili e battiscopa, che risultano i luoghi abituali della cimice.

 

Le femmine delle cimici sono in grado di deporre nel corso della loro vita, all’incirca 500 uova, le quali sono grandi circa un millimetro, con una colorazione biancastra. Le cimici da letto si trovano in tutto il mondo. Sono state trovate in hotel, in alberghi e B/B e la presenza non è determinata dalla pulizia e dalla igiene. Infatti non esiste nessuna correlazione tra penuria igienica e infestazione da cimici. Le possibilità di trattamento delle cimici è possibile attraverso l’aspirazione delle superfici dove le cimici hanno deposto le uova; attraverso il calore. Infatti le cimici sono molto sensibili al calore e non sopportano temperature superiori ai 45°C.

Anche il freddo intenso è estremamente efficace. Infine anche il controllo chimico attraverso i piretroidi può essere un modo efficace per distruggere la cimice dei letti. Uno dei modi semplici per individuare un’infestazione è osservare alcuni segni di punture da cimici da letto su viso, braccia e collo. Ma è utile fare un riscontro visivo di cimici da letto nelle piaghe dei materassi; piccoli granelli color ruggine dovuti al materiale fecale prodotte dalle cimici; odore di muffa dolciastra; presenza di esoscheletri delle cimici da letto dopo la muta.

Una sfida continua tra l’uomo e le fastidiose cimici da letto. Chi vincerà?