GUIDA ALLA COSTRUZIONE DI UN REPORT DI SOSTENIBILITÀ

Check list sui punti da non trascurare. Definizione degli obiettivi. Un cambiamento positivo e un futuro più sostenibile.

APPROFONDIMENTO
Laura Vagliente
GUIDA ALLA COSTRUZIONE DI UN REPORT DI SOSTENIBILITÀ

Check list sui punti da non trascurare. Definizione degli obiettivi. Un cambiamento positivo e un futuro più sostenibile.

La sostenibilità è diventata un imperativo nei giorni nostri, sia per le imprese che per le organizzazioni. La creazione di un report di sostenibilità rappresenta un passo cruciale per comunicare in modo trasparente le iniziative e i risultati raggiunti in questo ambito.

La creazione di un report di sostenibilità richiede un impegno significativo, ma i benefici derivanti dalla trasparenza e dall’impegno verso pratiche sostenibili possono essere considerevoli. Seguendo questa guida, le organizzazioni possono non solo comunicare in modo efficace il loro impatto sociale e ambientale, ma anche guidare il cambiamento positivo e contribuire a un futuro più sostenibile.

Questo articolo ha lo scopo di fornire una guida dettagliata su come costruire un report di sostenibilità efficace.

  1. Definizione degli obiettivi

Prima di iniziare la creazione del report, è essenziale stabilire gli obiettivi chiave che si desidera raggiungere. Cosa si intende comunicare? Quali sono i principali impatti ambientali, sociali ed economici dell’organizzazione? Definire chiaramente gli obiettivi aiuterà a guidare la raccolta delle informazioni e a fornire una struttura coerente al report.

  1. Identificazione delle parti interessate

Per costruire un report di sostenibilità significativo, è importante identificare le parti interessate chiave. Queste possono includere dipendenti, clienti, investitori, comunità locali e altre organizzazioni. Capire le aspettative di queste parti interessate guiderà la selezione delle metriche e delle informazioni più rilevanti da includere nel report.

  1. Raccolta dati e informazioni

La raccolta di dati è una fase critica nella creazione di un report di sostenibilità. Questi dati dovrebbero coprire una gamma di aree, inclusi impatti ambientali, pratiche sociali, governance aziendale e performance economica. Utilizzare fonti affidabili e garantire la coerenza dei dati nel tempo per consentire confronti significativi.

  1. Adozione di Standard di Reporting riconosciuti

L’adozione di standard di reporting riconosciuti, come il Global Reporting Initiative (GRI) o il Sustainability Accounting Standards Board (SASB), può conferire autenticità al report. Questi standard forniscono linee guida specifiche sulla raccolta e presentazione delle informazioni di sostenibilità, facilitando la comparabilità tra diverse organizzazioni.

  1. Struttura

La struttura del report è fondamentale per garantire una comprensione chiara e completa. Organizzare il documento in sezioni chiare, ad esempio Ambiente, Sociale ed Economico, può aiutare a presentare in modo ordinato e coerente le informazioni. Utilizzare grafici, tabelle e altri elementi visivi per rendere i dati più accessibili e comprensibili.

  1. Includere esempi pratici

Arricchire il report con studi di caso e esempi concreti può rendere le informazioni più tangibili e significative. Raccontare storie di successo o sfide superate può suscitare un maggiore coinvolgimento da parte delle parti interessate e dimostrare l’impegno reale dell’organizzazione verso la sostenibilità.

  1. Aggiornamento e monitoraggio

La sostenibilità è un processo dinamico. Un report di sostenibilità dovrebbe essere aggiornato regolarmente per riflettere i progressi, le nuove iniziative e le sfide affrontate. Monitorare costantemente le prestazioni consente un adattamento tempestivo alle mutevoli esigenze e alle aspettative delle parti interessate.