IL RINGIOVANIMENTO NON INVASIVO

Il laser che agisce grazie a una nuova lunghezza d’onda ed ha effetti sulla stimolazione del collagene, con tempi di recupero e post trattamento assenti.

SALUTE
Prof. Steven Paul Nisticò *
IL RINGIOVANIMENTO NON INVASIVO

Il laser che agisce grazie a una nuova lunghezza d’onda ed ha effetti sulla stimolazione del collagene, con tempi di recupero e post trattamento assenti.

Le richieste di ringiovanimento da crono e photo aging sono in costante aumento. In Italia i fattori che influiscono principalmente su questo trend sono rappresentati dall’invecchiamento della popolazione e dall’eccessiva ed errata esposizione al sole. Altri fenomeni da considerare sono la difficoltà nel poter intervenire su alcune popolazioni, ad esempio quelle asiatiche, e sui fototipi scuri dove non è semplice intervenire con terapie di laser e luce.

Gli studi medici hanno a disposizione molteplici sistemi, tecnologie, tecniche e terapie per intervenire su queste problematiche. In questo panorama si inserisce “RedTouch”, il dispositivo laser con lunghezza d’onda di 675 nm. Si tratta di un laser che agisce nel ringiovanimento non ablativo, presentante un’alta affinità con le fibre di collagene, con capacità di trasferire il calore direttamente a quest’ultime. Questa lunghezza d’onda permette di generare una colonna termica che penetra nella cute fino a 600 micron denaturando il collagene e stimolando così la neocollagenesi.

È proprio l’elevata affinità per il collagene che rende il sistema altamente specifico, riducendo gli effetti collaterali e, di conseguenza, migliorando la gestione post trattamento. Ad avallare scientificamente i risultati e la sicurezza del RedTouch, sono stati pubblicati diversi studi che evidenziano non solo la versatilità dello strumento, ma soprattutto la sua efficacia. Nello studio sul trattamento delle cicatrici da acne che ha coinvolto 24 pazienti, ha dimostrato risultati eccellenti senza alcun effetto collaterale grave; in un secondo studio, condotto su 22 donne, è stata messa in evidenza l’efficacia del sistema laser nel trattamento delle rughe; infine, in un terzo studio, è stato dimostrato come RedTouch riesca ad ottenere risultati pienamente soddisfacenti anche nel trattare una patologia complessa come il melasma (comparsa sulla cute di chiazze scure di pigmentazione) e senza alcun effetto collaterale.

Il trattamento con RedTouch permette di ottenere un effetto fotostimolante volumetrico sulla zona trattata, conferendo volumetria e tridimensionalità, in particolare nell’area del volto come conseguenza dell’azione sul collagene, target d’elezione di questo dispositivo.

La sicurezza del dispositivo laser a 675 nm dimostra come l’azione terapeutica di questo strumento è applicabile anche ai soggetti più giovani che richiedono un’azione di miglioramento  della texture della pelle, aumentandola luminosità e la tonicità cutanea.

*Specialista in Dermatologia Clinica e Laserterapia – Università Tor Vergata Roma