LA SCELTA DI FEDERICA: “IL MIO SOGNO DI BAMBINA È DIVENTATO REALTÀ: ALLEVO CAPRE E SONO FELICE”

Ecco i formaggi e i prodotti cosmetici della società agricola cuneese Maien

AMBIENTE
Francesca Franceschi
LA SCELTA DI FEDERICA: “IL MIO SOGNO DI BAMBINA È DIVENTATO REALTÀ: ALLEVO CAPRE E SONO FELICE”

Ecco i formaggi e i prodotti cosmetici della società agricola cuneese Maien

Amore viscerale per la natura e gli animali e la sana voglia di mettersi in gioco per puntare su una scommessa capace di valorizzare i punti di forza del suo territorio. Sono gli ingredienti che hanno guidato l’inusuale, quanto coraggiosa, scelta di Federica Conte che, a soli 22 anni, insieme al fidanzato Luca, ha dato vita a Maien, la società agricola cuneese che alleva capre da latte. Quando il sogno di una bambina diventa realtà verrebbe da dire se si pensa che Federica, per tutti Chicca, subito dopo il diploma di ragioneria si rende conto che non c’è più tempo da perdere ed è il momento giusto per investire forze e risorse avviando un allevamento caprino nella campagna piemontese della sua Savigliano. Maien, il nome deriva dall’abbreviazione di Maienfeld, il comune svizzero diventato famoso per aver ispirato la vita di Heidi, è oggi una realtà imprenditoriale – fondata sul rispetto degli animali e della sostenibilità – che produce prodotti caseari naturali ma anche saponi, bagnoschiuma e creme per il corpo.

Federica, quando la maggior parte dei tuoi coetanei faceva le ore piccole in discoteca, la tua sveglia suonava per andare dalle caprette

“Proprio così, forse una scelta controcorrente o inusuale. Pensi che ho lasciato il mio impiego di commessa per buttarmi anima e corpo in questa avventura. Ma quando hai la possibilità di realizzare il tuo sogno, di lavorare a contatto stretto con gli animali e la natura i sacrifici sono meno pesanti. Anche se il lavoro non manca. Io e Luca (il fidanzato oggi 26 anni ndr) ci occupiamo interamente da soli di tutte le attività dell’allevamento, a partire dalla cura e la mungitura quotidiana passando per la manutenzione delle nostre attrezzature”

In media quanti litri di latte producete al giorno?

“Circa 150, una parte la destiniamo ai caseifici del nostro paese e al nostro e l’altra alla produzione di prodotti cosmetici. Tengo molto alle nostre creme e prodotti per il corpo che, oltre ad essere conformi alla normativa europea e a chilometro zero, riescono a soddisfare anche le pelli più sensibili e delicate”

Quali razze avete scelto per il vostro allevamento caprino?

“La Saneen e la Camosciata delle Alpi, due tipologie di caprette dal carattere docile e affettuoso nonché grandi produttrici di latte che mungiamo insieme sotto la supervisione di Nuvola, il nostro cane pastore che osserva, protegge e detta il passo all’ allevamento. Tra tutti noi si è creata una relazione inossidabile, un amore incondizionato… Le caprette ci riconoscono, giocano, sono affettuose come animali domestici…”

E crescono all’aria aperta in un luogo incontaminato?

“Proprio così. Le nostre capre sono libere. Libere di muoversi, giocare, di brucare i fili d’erba che crescono spontaneamente e questo contribuisce anche a sviluppare il loro carattere socievole e affabile nonché una qualità di latte che beneficia a tutto tondo delle enormi potenzialità di questo ambiente. Solo per la notte, per una maggior sicurezza e per preservarle dal clima rigido dell’inverno, io e Luca abbiamo costruito un ampio paddock riscaldato che diventa il loro rifugio”.

Che caratteristiche ha il latte caprino?

“In primis è un importante antinfiammatorio naturale, oggetto di studio nella prevenzione di malattie gravi e nella terapia anticancro. Contiene calcio, fosforo e minerali che irrobustiscono ed evitano la demineralizzazione delle ossa, non a caso è considerato l’elisir di lunga vita dalle popolazioni caucasiche. Inoltre, il latte di capra, otre a fortificare il sistema immunitario, è ricco di sostanze nutritive e vitamine ed è molto più digeribile del latte vaccino per la minor dimensione dei globuli lipidici. Migliora l’assimilazione del calcio a livello intestinale ed è quasi privo di grassi e colesterolo. La stessa delicatezza la riscontriamo nei nostri prodotti cosmetici che spesso amalgamiamo con propoli, lavanda o altre essenze naturali”

Perché dovrei scegliere una crema corpo a base di latte di capra?

“In primis perché è indicato per tutti i tipi di pelle. Ideale sulla cute secca che richiede maggior nutrimento e idratazione ma anche per le pelli sensibili perché grazie agli acidi grassi insaturi dona un naturale effetto anti-age restituendo alla pelle tonicità, morbidezza ed elasticità. Non dimentichiamo che il latte caprino contiene l’Allantoina, un ureide che nutre lo strato protettivo della pelle per mantenerlo sano dagli agenti climatici esterni. Ma non solo. Lavaggi e creme regalano un colorito roseo e fresco… Non a caso la leggenda narra che la regina Cleopatra si immergeva in bagni di latte di capra e miele per preservare la sua straordinaria bellezza”.

Suggeriti
AMBIENTE
“IO LI COLTIVO, TU LI RACCOGLI SPORCANDOTI LE MANI”
Arianna Vulpiani presenta il suo BioFarm Orto
AMBIENTE
“MOLLO TUTTO E STO CON LE ASINE TRA GLI OLIVI”
Chiara Caggiula da Milano alla campagna della Tuscia per dar vita ad olio e cosmetici con latte di asina