LA SPESA SI FA SFUSA

Cereali, frutta, saponi, cosmesi e molto altro: a Modena la Sfuseria Bottega Sostenibile combatte gli sprechi.

AMBIENTE
Francesca Franceschi
LA SPESA SI FA SFUSA

Cereali, frutta, saponi, cosmesi e molto altro: a Modena la Sfuseria Bottega Sostenibile combatte gli sprechi.

È sano, diminuisce lo spreco alimentare e ambientale, è sostenibile, è semplice e contribuisce a recuperare quei rapporti umani tanto cari e smarriti propri delle botteghe. Sono già 5 i motivi – ma ne potremmo trovare altrettanti buoni e giusti – per cui convertirci quasi totalmente alla spesa sfusa senza considerare che, a dispetto dei luoghi comuni, è anche più conveniente.

Sì perché centellinare, capire quante cose entrano in un flacone o in una busta di canapa, confrontare i costi del biologico e andare più lentamente a dispetto dei ritmi folli della grande distribuzione è anche sano per i nostri portafogli. Senza considerare che comprare sfuso significa anche avere un’alimentazione sana e variata e contribuire, senza imballi, packaging, rifiuti, alla diminuzione dell’uso di plastica e confezioni inquinanti.

Che altro?

Senza dubbio maggiori controlli dato che tutti i fornitori delle botteghe sfuse sono di filiera corta (ed etica!). Princìpi e scelte consapevoli ai quali ha aderito totalmente anche La Sfuseria Bottega Sostenibile”, la bottega (e il nome bottega non è certo casuale) che da circa 2 anni vende solamente prodotti alimentari e per la cura del corpo sfusi ed ecosostenibili.

A Modena, in Viale Buon Pastore, sorge infatti un luogo dedicato alla sostenibilità, alla stagionalità e alle qualità e ricerca delle materie prime.  Un luogo nel quale poter fare la spesa come si faceva una volta nelle botteghe di quartiere, muniti di borsa di tela o canapa, contenitori di vetro o di latta per acquistare lo stretto necessario. Anche quotidianamente. Perché bottega significa anche lentezza, consapevolezza, rapporti umani e scelta di prodotti di elevatissima qualità. Ma significa anche acquistare ciò che davvero serve e ristabilire priorità senza essere massacrati da logiche pubblicitari e super sconti delle grandi catene.

Anche perché, carte alla mano, sono sempre più gli studi e i documenti che dimostrano che viviamo in una società altamente consumistica e distratta, una società che compra, mangia e getta rifiuti senza pensare. Ma si può dire, nel nostro piccolo, alt ad un packaging usa & getta, a monoporzioni, a imballaggi inquinanti e ad abitudini nocive.

Come?

Facendo la nostra parte e alleggerendoci. Perché, anche in questo caso, LESS IS MORE. Ed è ciò che accade, nella Sfuseria modenese, da Manuela.

Parola d’ordine?

Munirsi di tutto ciò che, a cosa normali, andrebbe a finire nella spazzatura. E dunque barattoli, confezioni in vetro di legumi, sottoli e marmellate, vecchi flaconi inutilizzati, buste di stoffa perdute in qualche angolo della casa.

In Viale Buon Pastore è possibile acquistare beni alimentari sfusi a peso nonché detersivi alla spina e prodotti per la cura del corpo. “Sono tutti prodotti ecosostenibili, a kilometro zero e con imballaggi anch’essi sostenibili quindi senza plastica – si legge nella presentazione – Il cliente può inoltre portare da casa il proprio contenitore, purché pulito e ben conservato, ed inserire all’interno la quantità desiderata del prodotto scelto”.

Il cliente può servirsi da solo?

Niente affatto! Si (ri)scopre il contatto umano e il dialogo come nelle botteghe di un tempo. Anche 2 grammi di muesli vengono serviti sfusi da Manuela che, in assenza di contenitori zero-del cliente, fornisce confezioni di carte per contenere i vari alimenti che vende a cominciare da farina di grano duro, farine integrali, sale, zucchero, granola, muesli, barrette proteiche e di cioccolato, pasta, riso, cereali per la colazione, frutta secca e frutta disidratata, cereali, tè ed infusi.

E i saponi e la cosmesi?

Anche questi vengono venduti sfusi come del resto tutti i prodotti per la cura del corpo come shampoo e balsamo sia nel formato liquido (in contenitori di alluminio, per evitare imballaggi in plastica) che solido, saponi al taglio e prodotti per la cura del viso come maschere, creme e struccanti”. E questo non significa fare solo la spesa bensì un’esperienza sensoriale dove, con lentezza e consapevolezza, si apprezza la consistenza, i profumi, gli odori di un prodotto ma anche la storia e la provenienza e la stagionalità degli stessi. Una modalità di acquisto dove c’è tutto da guadagnare e niente da perdere. Tanti motivi e ragioni per sceglierla facendo la nostra parte. Allora perché non iniziare subito?

Riferimenti: linktr.ee/sfuseriamodena