LE BUONE PRATICHE A ZERO RIFIUTI

Autoproduce e diffonde pratiche zero-waste: ecco la mission di Elisa Nicoli per salvaguardare l’ambiente. Dai cosmetici ai detersivi le sue ricette fai-da-te.

AMBIENTE
Francesca Franceschi
LE BUONE PRATICHE A ZERO RIFIUTI

Autoproduce e diffonde pratiche zero-waste: ecco la mission di Elisa Nicoli per salvaguardare l’ambiente. Dai cosmetici ai detersivi le sue ricette fai-da-te.

Cosa fai nella vita?

La “green-creator” risponde Elisa Nicoli ma, più immediatamente per il mondo social e web, il termine “Autoproduco” può bastare per identificarla (anche se sta cercando di trovarne uno nuovo!) Creatrice di “verde” in qualsiasi forma e declinazione da intendere, comunicatrice, divulgatrice, regista di documentari ma anche green influencer e scrittrice di oltre 10 libri. Minimo comune denominatore? Sostenibilità ambientale e sociale e, va da sé, diffusione e promozione di azioni anti spreco. Bolzanina doc, Elisa, una laurea in Scienze della Comunicazione a Padova e un Master in comunicazione ambientale presso il Centro Studi CTS di Roma, lavora nel mondo della documentaristica e della divulgazione ambientale dal 2006 ma è nel 2013 che ha dato vita al progetto Autoproduco, il laboratorio dell’autoproduzione per il quale tuttora cura e crea contenuti.

Obiettivo? Diffondere buone pratiche (nonché la cultura dell’educazione ambientale tra adulti e bambini) sull’autoproduzione e sulla vita a basso impatto ambientale. Per dirla in due parole: zero waste.

Ricette sviluppate per fare cosmetici fai-da-te, saponi, creme corpo, schiuma da barba ma anche deodoranti e detersivi senza pesare sull’ambiente passando per semplici tecniche anti-spreco idrico e creazione di oggetti attraverso l’arte del riciclo e del recupero: queste le attività che la green influencer bolzanina compie e diffonde ogni giorno per contribuire all’eliminazione di rifiuti e, soprattutto, per salvaguardare la nostra Madre Terra.

“L’autoproduzione dei cosmetici, nel gergo di chi ci si diverte, si chiama “spignattare” – sorride Elisa -.  Le ricette che propongo, delle quali ho scritto anche in uno dei miei libri, sono state tutte create rispettando le regole della chimica e le basi della cosmesi eco-bio ma non troverete nulla di troppo complesso: nonostante il nuovo approccio all’autoproduzione, infatti, ho voluto essere fedele alla filosofia del “più veloce e facile possibile”. Preparazioni quindi compatibili con la nostra vita cittadina e familiare spesso – ahimè – frenetica”.

Ecco che Elisa, attraverso la sua pagina Instagram ormai seguita da oltre 17mila persone, dà suggerimenti con lessico semplice e alla portata di tutti ma estremamente preciso e competente. Si informa, verifica le fonti, studia e mette a disposizione degli altri le competenze maturate nel corso degli anni in ambiti diversi e variegati quali la fotografia, la divulgazione ambientale, la creazione di video e di articoli giornalistici. E le persone la seguono e accolgono le sue indicazioni nella quotidianità. C’è infatti chi ascoltandola ha recuperato molti rifiuti ingombranti, chi ha creato dei porta sapone con materiale di scarto e chi ancora, dopo aver salvato i suoi video, va a comprare i riduttori di filtro per rubinetti per contribuire alla battaglia contro lo spreco idrico.

Questo accade perché le persone si fidano, la ascoltano e notano che sposa solo cause dall’alto valore etico rinunciando a collaborazioni o sponsorizzazioni se non in linea con i valori ambientali ed etici nei quali crede.

Del resto tutti noi possiamo fare la nostra, seppur piccola, decisiva parte. Perché non iniziare oggi?