Poste, tre miliardi di ricavi. "Rifugio sicuro e luogo di riferimento"

Si chiude positivamente il primo trimestre del 2024, con un record storico sulle consegne ed un rinnovato accordo con CDP sul risparmio postale.

APPROFONDIMENTO
Emma Meo
Poste, tre miliardi di ricavi. "Rifugio sicuro e luogo di riferimento"

Si chiude positivamente il primo trimestre del 2024, con un record storico sulle consegne ed un rinnovato accordo con CDP sul risparmio postale.

Il Consiglio di amministrazione di Poste Italiane, presieduto da Silvia Maria Rovere, ha approvato i risultati finanziari del primo trimestre 2024, in linea con gli obiettivi prefissati dal piano quinquennale presentato lo scorso marzo – focalizzato sul capitale umano e la digitalizzazione. Anche escludendo le plusvalenze realizzate sul portafoglio di BTP di BancoPosta, i risultati esposti a riguardo dei ricavi ottenuti sono estremamente positivi: un incremento totale del 6% su base annua, al quale hanno contribuito tutte le divisioni di business, dal segmento Corrispondenza, Pacchi e Distribuzioni a quello dei Servizi Postepay, dove si arriva ad un rialzo del 17,3% – dato giustificato dalla crescita dell’e-commerce e dall’utilizzo delle carte come metodo di pagamento.

In questi primi mesi dell’anno, Poste Italiane ha vinto il “Premio Bilancio di Sostenibilità”, promosso dal Corriere della Sera in collaborazione con NeXtNuova Economia per tutti, a riconoscimento del suo impegno nella creazione di valore per la società e l’ambiente. Un impegno che si rinnova con la costituzione di Postego S.p.A. per l’internalizzazione del parco mezzi di consegna di Poste Italiane ed accelerare la transizione green del Gruppo.

L’Amministratore Delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante.
L’Amministratore Delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante.

Presente all’evento l’AD Matteo Del Fante che ha commentato le ultime novità:

«Questi risultati dimostrano come stiamo attuando il nostro piano in modo rigoroso, con un continuo focus sul raggiungimento dei risultati commerciali e sulla razionalizzazione dei costi. I trend commerciali sono stati favorevoli in tutti i settori, poiché i nostri clienti continuano a considerare Poste Italiane come un rifugio sicuro per i loro risparmi e un luogo di riferimento per la maggior parte delle loro esigenze quotidiane».

Intervistato dalla Direttrice del TG Poste, Federica de Santis, l’AD ribadisce l’importanza della fiducia nel rapporto che il cliente ha con l’azienda phygital, dovuta all’efficienza e all’affidabilità del servizio clienti, e ricorda l’eguale importanza che ha nel piano l’architettura della rete. Nell’edizione del 16 maggio, appunto, Del Fante la ritiene «fondamentale, perché abbiamo fatto della presenza, della capillarità e, ovviamente, del servizio al cliente dei fattori strategici dall’inizio del piano, quindi la decisione di non chiudere gli uffici, rilanciarli con il Progetto Polis, aumentare i servizi sul fisico e farlo con accanto la possibilità di usufruire degli stessi servizi in via digitale e far scegliere al cliente come usufruire dei nostri servizi per quello che gli è più semplice e congeniale è stato forse il punto cardine della trasformazione di Poste».

Il Progetto Polis è un ulteriore passo avanti verso la coesione sociale e la digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione, che nel mese di marzo ha portato alla conclusione dei lavori di ristrutturazione di 1370 Uffici Postali nei comuni con meno di 15mila abitanti. Fonte: tgposte.poste.it
Il Progetto Polis è un ulteriore passo avanti verso la coesione sociale e la digitalizzazione dei servizi della Pubblica Amministrazione, che nel mese di marzo ha portato alla conclusione dei lavori di ristrutturazione di 1370 Uffici Postali nei comuni con meno di 15mila abitanti. Fonte: tgposte.poste.it

Record storici…

Con un utile netto di 501 milioni di euro si è affermato il business dei pacchi: si tratta di ben 71 milioni di pacchi consegnati, dei quali 27 milioni solo da portalettere.

«Uno degli highlight più significativi annunciati ieri – ha continuato l’AD nell’intervista a TG Poste – è la resilienza della nostra logistica, con ottimi risultati anche rispetto a quello che avevamo preventivato, e in particolare grande performance del volume di pacchi con una crescita importante di pacchi consegnati dai postini. […] Dall’altro lato Mercato Privati ha dimostrato, in un contesto di incertezza sull’inflazione che non sta scendendo, anche lì un’ottima performance e dei record in ambito MP sul collocamento sulla maggior parte dei nostri prodotti».

…e accordi rinnovati

«Sono lieto di annunciare – afferma Matteo Del Fante – che il Consiglio di amministrazione di Poste Italiane e di Cassa Depositi e Prestiti hanno approvato un term-sheet che illustra i principali termini del prossimo nuovo accordo sulla distribuzione del risparmio postale. L’accordo coprirà il triennio 2024-26 ed è pienamente in linea con i nostri target, nonché con il nostro obiettivo di mantenere costante lo stock del risparmio postale in arco piano». Sono 27 milioni i clienti che si affidano a prodotti quali Libretti di Risparmio Postale e Buoni Fruttiferi Postali che, a dicembre 2023, raggiungono rispettivamente i 92 ed i 234 miliardi di euro. Tali prodotti sono anche la principale fonte di raccolta per CDP, attraverso i quali il Gruppo finanzia progetti a sostegno della crescita sostenibile dei territori, delle imprese e delle infrastrutture. Rinnovare e rafforzare la partnership tra i due Gruppi, ponendo attenzione alle necessità dei più giovani ed affiancando dei servizi digitali alle metodologie tradizionali, consentirà di affrontare sia le opportunità sia le sfide strategiche attese dei prossimi anni.

La più grande piattaforma di servizi di tutto il Paese, con un vantaggioso modello di business ben diversificato, deve il suo successo ad ogni singolo componente che fa funzionare l’azienda. «Dal Direttore Generale, al Dott. Lasco a tutto il Management ed ogni collaboratore, a loro vanno i ringraziamenti, perché sono loro che fanno l’azienda, quotidianamente» conclude Del Fante.

A tal proposito, si coglie l’occasione per ricordare che chi aderisce al programma di Poste Mondo Welfare, entro il 31 maggio, può beneficiare di un primo controllo medico gratuito presso le strutture convenzionate.