Riabilitazioni individuali per sclerosi multipla e patologie correlate

Sottoscritto un protocollo d’intesa tra AISM Firenze e Fondazione Don Gnocchi per dare il via a a progetti riabilitativi personalizzati per malati di sclerosi multipla.

SALUTE
Francesca Franceschi
Riabilitazioni individuali per sclerosi multipla e patologie correlate

Sottoscritto un protocollo d’intesa tra AISM Firenze e Fondazione Don Gnocchi per dare il via a a progetti riabilitativi personalizzati per malati di sclerosi multipla.

Sclerosi multipla e patologie correlate: in arrivo una nuova frontiera che mette al centro la persona. La Sezione provinciale dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) di Firenze e la Fondazione Don Gnocchi hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’attivazione di percorsi riabilitativi specifici dedicati alle persone con Sclerosi Multipla e patologie correlate, estendendo così anche all’area clinico-assistenziale la collaborazione in essere già da tempo sul fronte scientifico.

Nello specifico, il Centro Don Gnocchi si impegna a garantire alle persone con Sclerosi Multipla e patologie correlate una presa in carico multidisciplinare nei differenti setting (ricovero, ambulatorio, domicilio) con un progetto riabilitativo individuale (PRI) che prevede anche l’impiego di dispositivi robotici e include: riabilitazione cognitiva, terapia occupazionale, logopedia, riabilitazione del pavimento pelvico, supporto psicologico ambulatoriale, presa in carico sociale in rete con servizi sociali del territorio e valutazione degli eventuali ausili necessari al paziente.

Progetti riabilitativi personalizzati per malati di sclerosi multipla
Fondazione Don Gnocchi, Firenze. Foto di Ugo De Berti

Le attività saranno svolte in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Regionale, secondo la normativa vigente. Inoltre, affinché la presa in carico della persona con SM sia corretta e per una migliore efficacia dei percorsi riabilitativi, ci sarà un costante lavoro in rete e una forte sinergia tra la Fondazione Don Gnocchi e la sezione AISM di Firenze, che si potrà concretizzare anche in attività di formazione volta ai diversi operatori del Centro e di ricerca scientifica con la Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM).

Al centro dell’accordo, il progetto di vita di ogni singola persona colpita da malattia. Per questo il piano riabilitativo individuale sarà volto, fin dove possibile, al recupero dell’autonomia nelle attività di vita quotidiana e lavorative e all’incremento della partecipazione sociale al fine di soddisfare le esigenze personali con una particolare enfasi su aspettative e qualità di vita.

Questo protocollo d’intesa è un’ulteriore conferma della proficua collaborazione in atto da tempo tra AISM e Fondazione Don Gnocchi – commenta Francesco Converti, Direttore Generale della Fondazione Don Gnocchi – a vantaggio di una presa in carico mirata delle persone con Sclerosi Multipla e patologie correlate. Questa attività clinico-riabilitativa completa il grande lavoro che stiamo svolgendo anche a livello di ricerca scientifica, in sinergia con la Struttura Organizzativa Dipartimentale complessa di riabilitazione Neurologica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi. La sinergia con AISM si inserisce quindi in un intenso lavoro di networking che contempla tutti i protagonisti della “filiera” della cura: pazienti, familiari e care-giver, enti erogatori di prestazioni sanitarie, enti di ricerca e formazione, istituzioni”.

Fondazione Don Gnocchi, sede dei progetti riabilitativi personalizzati per malati di sclerosi multipla
Fondazione Don Gnocchi, Firenze. Foto di Ugo De Berti

“La collaborazione con la Fondazione Don Gnocchi è per noi un motivo di orgoglio e di soddisfazione – dice Antonella PerezPresidente della sezione Provinciale AISM di Firenze –. Strutture all’avanguardia come quelle dell’IRCCS Don Gnocchi sono in grado di affrontare la complessità della Sclerosi Multipla in tutte le sue sfaccettature e di realizzare insieme alla nostra Associazione quella presa in carico a 360 gradi indispensabile per un progetto di vita degno di questo nome”.

Cos’è la Sclerosi Multipla

Cronica, imprevedibile e invalidante, la sclerosi multipla è una delle più gravi malattie del sistema nervoso centrale. Spesso provoca disabilità, anche grave. Il 50% delle persone con SM è giovane e non ha ancora 40 anni. Colpisce le donne due volte più degli uomini. È la prima causa di disabilità neurologica nei giovani adulti dopo i traumi. In Italia sono 137mila le persone colpite da sclerosi multipla, 3.600 nuovi casi ogni anno: 1 ogni 3 ore. La causa e la cura risolutiva non sono ancora state trovate ma grazie ai progressi compiuti dalla ricerca scientifica, esistono terapie e trattamenti in grado di rallentare il decorso della sclerosi multipla e di migliorare la qualità di vita delle persone.