ROMA DÀ L’ESEMPIO PER UN NATALE GREEN

Gli alberi di Natale di Piazza Venezia e del Campidoglio illuminati da energia alternativa e installazioni con materiali da riciclo. La tradizione è rispettata, ma con metodi moderni.

AMBIENTE
Maria Grazia Ardito
ROMA DÀ L’ESEMPIO PER UN NATALE GREEN

Gli alberi di Natale di Piazza Venezia e del Campidoglio illuminati da energia alternativa e installazioni con materiali da riciclo. La tradizione è rispettata, ma con metodi moderni.

L’albero di Natale della Capitale è stato illuminato, come da tradizione l’8 dicembre. Ma quest’anno, questo simbolo, da sempre sotto gli occhi del mondo, presenta delle novità importanti per la salvaguardia dell’ambiente e il risparmio energetico. Infatti per la prima volta le sue “lucine” saranno alimentate da pannelli fotovoltaici, che consentono un risparmio energetico di 27 kwh al giorno e una riduzione delle CO2 di oltre 17 kg al giorno, attraverso un impianto da 16 lwp, con accumulo di energia fornito da batterie agli ioni di litio da 25 kwh. La storica illuminazione di via del Corso è invece dedicata alla pace e al dialogo. Entrambe le iniziative sono inserite nel progetto “Accendiamo la sostenibilità, Rome by Light” curato da Acea, progettato e installato da Comal.

In un momento storico caratterizzato dalla necessità di adottare comportamenti virtuosi nell’utilizzo delle risorse energetiche il Campidoglio ha deciso di rispettare tutte le tradizioni, care non solo ai romani, ma all’insegna del green. Inoltre l’impianto fotovoltaico, oltre ad alimentare l’illuminazione dell’albero attraverso le batterie, fornirà l’eventuale eccedenza di energia direttamente alla rete di distribuzione. Ma non è l’unica novità che contraddistingue il Natale della città eterna. Anche l’albero della piazza del Campidoglio avrà una particolarità ambientalista; chiunque potrà contribuire ad illuminare la stella pedalando su una bicicletta/generatore che resterà ai piedi dell’albero per tutte la durata delle festività. La prima pedalata è martedì 13 dicembre alle ore 18.30 e ben sei biciclette saranno installate in piazza per fornire l’energia necessaria all’illuminazione. I primi due “ciclisti” d’eccezione saranno il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e Svetlana Celli, presidente dell’Assemblea capitolina, e poi tutti quelli che vogliono contribuire a questo esperimento. L’albero di tipo “Abies Nordmanniana” sarà alto più di 6 metri e verrà posizionato nella parte destra della piazza antistante la Cordonata.

Natale all’insegna dell’ambiente anche al Bioparco, dove è possibile ammirare un altro albero di Natale speciale. Una installazione realizzata esclusivamente con materiali di scarto, per lo più plastica. È alto 7 metri ed è composto da 2500 bottiglie di plastica, recuperate da attività commerciali, case private e dai visitatori del Bioparco. Le bottigliette sono state lavorate una ad una e legate ad una struttura di ferro recuperata da scarti di lavorazione.

Gli addobbi riproducono alcuni animali ospiti del parco, in particolare le specie maggiormente colpite dall’impatto della plastica nell’ambiente, come i pinguini, le otarie, le testuggini. Anche gli addobbi sono realizzati riciclando rifiuti con plastiche, insieme a scarti di lavorazione industriale, edili e artigianali come pannelli coinbentati, corrugati, cavi elettrici, lenze, abbandonate, quindi ritrovate nelle spiagge. Le luci sono a led a risparmio energetico. L’opera, visitabile gratuitamente, è stata realizzata dall’artista e biologa naturalista Alessandra Carratù.

In definitiva Roma si pone da esempio tra tradizione e innovazione, nel rispetto del nostro pianeta. E finalmente ottempera al suo ruolo di Capitale.