Trasformare vecchie raffinerie in parchi di energia pulita è possibile

Il Progetto italiano di Water Batteries. Con lo scopo di dare una nuova vita a vecchie strutture industriali.

AMBIENTE
Laura Vagliente
Trasformare vecchie raffinerie in parchi di energia pulita è possibile

Il Progetto italiano di Water Batteries. Con lo scopo di dare una nuova vita a vecchie strutture industriali.

Il progetto Water Batteries

Il progetto Water Batteries emerge come un esempio eccellente di come vecchie raffinerie industriali possano essere trasformate in parchi di energia pulita, segnando una svolta verso un futuro più sostenibile.

L’idea nasce dallo studio internazionale di design e innovazione CRA Carlo Ratti Associati il quale ha presentato un progetto volto alla trasformazione di un’ex raffineria di petrolio in un parco di energie rinnovabili a Trieste.

Con lo scopo di dare una nuova vita a vecchie strutture industriali una volta responsabili di pesanti impatti ambientali legati all’estrazione e alla lavorazione dei combustibili fossili, il progetto per il Polo di Trieste prevede una conversione di serbatoi in “batterie d’acqua” dentro 365.000 metri quadrati di parco del lungomare recuperato. Questa trasformazione radicale offre l’opportunità di ridare vita a siti industriali obsoleti, utilizzando le loro infrastrutture esistenti per promuovere la produzione e l’immagazzinamento di energia rinnovabile.

Il concetto di “batterie ad acqua”

Al cuore del progetto Water Batteries si trova l’innovativa tecnologia delle “batterie ad acqua”. Questi sistemi di stoccaggio dell’energia sfruttano l’elettrolisi dell’acqua per convertire l’energia elettrica in idrogeno e ossigeno. L’idrogeno così prodotto può essere immagazzinato e utilizzato in seguito per generare energia attraverso celle a combustibile o altri dispositivi, garantendo un approvvigionamento continuo ed efficiente di energia pulita.

elettrolisi dell’acqua

 

La trasformazione delle vecchie raffinerie in parchi di energia pulita comporta una serie di benefici significativi. Innanzitutto, contribuisce in modo tangibile alla riduzione delle emissioni di gas serra e dell’inquinamento atmosferico, mitigando così i cambiamenti climatici e migliorando la qualità dell’aria. Inoltre, la riqualificazione di siti industriali obsoleti permette di ridurre il consumo di suolo e di preservare le risorse naturali, promuovendo nel contempo la rigenerazione urbana e il rinnovamento delle comunità locali.

Dal punto di vista economico, il progetto Water Batteries offre opportunità di investimento e sviluppo, stimolando la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili e contribuendo alla diversificazione economica delle regioni coinvolte.

Il progetto Water Batteries rappresenta un esempio tangibile di come l’innovazione e la collaborazione possano trasformare sfide ambientali in opportunità di crescita e sviluppo sostenibile. Grazie a iniziative come questa, è possibile tracciare un percorso verso un futuro più verde e sostenibile, dove l’energia pulita e rinnovabile gioca un ruolo centrale nella nostra transizione verso una società più equa, resiliente e in armonia con l’ambiente.