TREKKING DA SOMA, LABORATORI E PET THERAPY: BENVENUTI AD ASINIAMO

In Maremma con Claudia, Monica e gli asini amiatini. Un’oasi felice naturalistica, un percorso professionale e mirate tipologie di intervento.

AMBIENTE
Francesca Franceschi
TREKKING DA SOMA, LABORATORI E PET THERAPY: BENVENUTI AD ASINIAMO

In Maremma con Claudia, Monica e gli asini amiatini. Un’oasi felice naturalistica, un percorso professionale e mirate tipologie di intervento.

Per chi dell’asino e con l’asino vuole fare uno stile di vita. In una parola: asiniAmo.
E’la storia di Claudia e Monica, amiche ma sorelle per scelta, e di tutti i soci e dei coadiutori dell’asino, gli operatori qualificati riconosciuti dal Centro di Referenza Nazionale per gli interventi assistiti con gli animali (CRN IAA), che dal 2009 operano con gli asini amiatiani alla Fattoria di Ponte alle Catene all’interno del sito facente parte del Patrimonio Agricolo-Forestale Regionale “Bandite di Scarlino”.

Un’oasi felice naturalistica nel grossetano che, oltre a offrire laboratori ludico-didattici, onodidattica e trekking in soma, propone IAA, interventi assistiti con gli animali che favoriscono e creano una relazione significativa tra l’uomo e l’animale volta a potenziare l’interazione sul piano educativo e di socializzazione.

Un percorso professionale che prevede diverse e mirate tipologie di intervento realizzate da una équipe multidisciplinare, che – a seconda dei casi e delle specifiche necessità – è in grado di offrire educazione assistita con gli animali (EAA) e attività assistite con gli animali (AAA), pratiche diverse ma tutte accomunate da un unico comune denominatore: incremento del benessere della persona nel rispetto dell’animale.

“Incontri incentrati sulla relazione empatica tra uomo e animale – interviene il presidente dell’associazione di promozione sociale AsiniAmo, Claudia Montomoli -. Le persone che si avvicinano alla nostra realtà avranno l’opportunità di sviluppare con l’animale un legame grazie al contatto corporeo e tattile. Entrambi avranno spazio, tempi e modalità singolari e necessari per creare il proprio autentico legame sperimentando o riscoprendo sensazioni. Coccole, carezze ed abbracci faranno il resto”.

Stimoli sensoriali, ascolto, disponibilità relazionale e comunicativa sono gli ingredienti di questo percorso virtuoso che in molti casi – basti pensare a stress post-traumatici, disturbi alimentari o psico-sociali o, semplicemente, a periodi poco facili per l’anima – si rivelano salvifici per le persone che, grazie e con gli asini, riassaporano calma, lentezza e benessere.

“Il percorso è in diretto da operatori qualificati e riconosciuti – prosegue Claudia -: la maggior parte dei nostri soci sono infatti qualificati al corso ministeriale di formazione professionale in “Attività di Mediazione con l’Asino” e coadiutori dell’asino iscritti negli elenchi nazionali del portale DigItal Pet e i nostri asini sono certificati da un Medico Veterinario esperto in IAA”.

Anche i bambini e le scolaresche possono godere di spazzolature, coccole, contatto corporeo e maneggio degli animali. AsiniAmo infatti organizza laboratori creativi, sensoriali e motori volti a potenziare le caratteristiche peculiari di questo animale che si distingue per pazienza ed empatia. “Durante i laboratori i nostri operatori forniscono ai partecipanti nozioni di etologia, anatomia, fisiologia e zoologia oltre che racconti sul rapporto uomo-asino – proseguono Claudia e la vice presidente dell’associazione, Monica -. Senza considerare le offerte di trekking someggiato, vere e proprie escursioni a passo d’asino caratterizzate da una cadenza lenta capace di far assaporare la natura e l’incontaminata Maremma nel rispetto dell’amico asino che non può essere cavalcato o relegato a ruolo di facchino”. Infatti gli asinelli amiatini sono dei compagni di viaggio dei camminatori che, con pazienza e lentezza, potranno assaporare una passeggiata slow senza precedenti. E la formula, numeri alla mano, piace sia alla mente che all’anima. “Sono ormai più di dieci anni che lavoriamo a stretto contatto con gli asini – conclude Claudia -; In questo arco temporale è molto più quello che abbiamo ricevuto di quello che abbiamo donato ai nostri amici asinelli. Grazie a loro molte persone hanno superato momenti bui e difficili. Siamo una grande famiglia e il nostro legame, fatto di amore e rispetto, va ben oltre la specie”.