MONTE ISOLA: LA PERLA DEL LAGO D’ISEO

In Lombardia la più grande isola lacustre dell’Europa centro-meridionale. Un’isola-monte, come dice il nome stesso, dove non circolano automobili

TURISMO
Tempo di lettura:7 Minuti
Monica Riccio
MONTE ISOLA: LA PERLA DEL LAGO D’ISEO

In Lombardia la più grande isola lacustre dell’Europa centro-meridionale. Un’isola-monte, come dice il nome stesso, dove non circolano automobili

Come una perla incastonata nella sua conchiglia Monte Isola, nel Lago d’Iseo in provincia di Brescia, effettivamente di prezioso ha molto. Anche solo a partire dal fatto che in quest’isola non circolano automobili ma soltanto qualche motorino dei circa 1800 residenti e i piccoli mezzi pubblici del comune. Ma non solo, a giudicare anche dai numerosi riconoscimenti che Monte Isola ha ottenuto soprattutto negli ultimi anni. Già conosciuta come uno dei Borghi più Belli d’Italia e parte anche delle European Destinations of Excellence (luoghi turistici sostenibili e rispettosi dell’ambiente), è stata premiata nel 2019 come la terza miglior destinazione turistica in tutta Europa. Con una superficie di circa 13 km quadrati, Monte Isola è la più grande isola lacustre dell’Europa meridionale e centrale.

Storia

Completamente boscosa nell’antichità, Montisola possedeva un tempio pagano sulla sua cima.
Nel V secolo d.C. fu cristianizzata dal vescovo bresciano San Vigilio. La prima fonte storica si riferisce all’abitato di Perschiera Maraglio ed è «Pescaria Insulae Curtis» in un documento datato 905 del Monastero di Santa Giulia, per cui si contano quattro case, della terra arabile, vigne, un bosco, un porto e dei poderi. In seguito i cluniacensi vi insediarono un monastero e avviarono, intorno all’anno mille, la fabbricazione di reti, che prosperò lungo i secoli successivi. L’isola vide dapprima nascere borghi agricoli nelle posizioni più elevate e, in epoca successiva, borghi di pescatori lungo la costa. Verso il secolo XIII, a difesa del territorio bresciano, gli Oldofredi vi costruirono un castello (ora rocca Martinengo, di proprietà privata). Fu infine trasformata in feudo dalla Repubblica di Venezia. Fino al 1928 Montisola contava due comuni: Siviano e Peschiera Maraglio. A seguito della fusione avvenuta nel 1929 il comune è stato denominato Monte Isola, formato da diverse località: Siviano (sede comunale con la scuola elementare e media e l’ufficio postale), Carzano, Novale, Porto di Siviano, Masse, Sinchignano, Olzano, Sensole, Peschiera Maraglio, Senzano, Menzino, Cure.

Curiosità

Monte Isola ha una secolare tradizione nella fabbricazione delle reti da pesca e nella costruzione delle barche in legno. Fino agli anni settanta del Novecento si trattava infatti di uno dei principali produttori mondiali di reti da pesca, ma successivamente ha subito la schiacciante concorrenza dei fabbricanti industriali giapponesi; ancora oggi, tuttavia, è possibile vedere quanto resta di quella nobile tradizione artigianale, soprattutto nella località di Peschiera Maraglio.

Come arrivare e spostarsi a Monte Isola

L’isola è raggiungibile, ovviamente, soltanto via acqua con i veloci traghetti attivi 24h, in partenza dalla vicinissima Sulzano o da Iseo, Sale Marasino, Tavernola e Predore. Una volta approdati sull’isola i mezzi migliori per visitarla in tutta la sua bellezza sono piedi e gambe, ma per chi vuole fare più veloce esistono corse offerte dai minibus comunali. In alternativa, sono presenti anche negozi in cui si possono noleggiare biciclette e tandem per una panoramica pedalata lungo le viuzze che costeggiano il lago o che salgono raggiungendo località più elevate fino alla cima del monte, con scorci unici e suggestivi sul lago e sulla natura rigogliosa che lo incornicia.

In auto

Autostrada A4: uscite Rovato per Milano, Brescia Ovest per Venezia;
Autostrada A21: uscita Brescia Centro;
Seguire poi le indicazioni per il Lago d’Iseo scegliendo uno dei porti di partenza per Monte Isola (Sulzano, Sale Marasino, Iseo, Lovere, Sarnico, Tavernola). In ogni comune di partenza dei traghetti potete trovare parcheggi dove lasciare la vostra automobile.

In treno

Linea ferroviaria Trenitalia e Trenord
Direttrice Milano-Venezia con cambio a Rovato o Brescia
Collegamento con la linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo, stazioni di Iseo, Sulzano, Sale Marasino.

Cosa fare e vedere a Monte Isola

Oltre al pittoresco lungolago, la natura che ricopre l’intera isola e la cucina tipica del luogo da provare, la vera chicca da non lasciarsi scappare è il Santuario della Madonna della Ceriola, luogo di religioso silenzio situato nel punto più alto dell’isola (600 s.l.m.) da dove si gode un panorama mozzafiato a 360 gradi su tutto il Lago d’Iseo ed oltre, fino alle colline della Franciacorta.
Raggiungibile tramite il mini-bus di linea, è fortemente consigliato salirvi a piedi percorrendo uno dei suggestivi sentieri che si snodano sull’isola. Per i più allenati esiste anche la vecchia mulattiera che attraversa il bosco.

Riferimenti

https://visitlakeiseo.info/territorio/monte-isola/
https://www.visitmonteisola.it/
https://www.facebook.com/visitmonteisola/

Ufficio Turistico di Monte Isola
Tel: +39 0309825088
E-mail: [email protected]

Suggeriti
TURISMO
COLLETTA DI CASTELBIANCO: IL “BORGO TELEMATICO”
Situato in provincia di Savona, è il primo borgo medievale telematico d’Europa. Un ponte splendido tra passato e futuro. Dalla distruzione alla odierna tecnologia.
TURISMO
RASIGLIA, LA PICCOLA VENEZIA IN UMBRIA
C’è un borgo, nascosto tra i boschi umbri, che è come uno “scrigno”, dove il filo della storia s’intreccia con una natura incontaminata e con un passato laborioso. Mulini, filande, sorgenti, arte e fede sono gli elementi che lo delineano
TURISMO
PITIGLIANO GIOIELLO NEL CUORE DELLA MAREMMA TOSCANA
Splendida cittadina dell’Area del Tufo, nel cuore della Maremma Toscana, Pitigliano è uno dei Borghi più Belli d’Italia e Bandiera Arancione.